top of page

Accessibilità e Inclusione

Nel mese di ottobre ci siamo dati da fare per ripulire il sentiero del futuro tracciato dell'Anello e creare una passeggiata accessibile per tutti.



Due fine settimana intensi hanno riportato alla luce il tracciato dell'Anello: nel corso degli ultimi due mesi, la vegetazione era cresciuta molto ed è stato necessario – in vista dell'arrivo del CAI e... dell'inverno – dare una sforbiciata al verde in eccesso.


Sempre al nostro fianco, gli Alpini di Vas, i volontari della protezione civile e persino il nostro Assessore si sono dotati di decespugliatori, roncole, falcetti, rastrelli e buona volontà facendo davvero uno splendido – quanto faticoso! – lavoro, possibile anche grazie al sostegno economico di B__HubMontegrappa e Fondazione Cariverona.


Il disboscamento del tracciato non è stato solo utile come ordinaria manutenzione, ma è stato anche necessario per preparare il terreno per un altro grande evento: abbiamo accolto Montagna che Aiuta e il CAI di Feltre per un sopralluogo a bordo della Joëlette, la carrozzina fuoristrada monoruota, che permette a qualsiasi persona con disabilità di fare escursioni con l’aiuto di almeno due accompagnatori. 


Desideriamo che il futuro Anello possa essere un luogo accessibile per tutti: per questo motivo, abbiamo pensato di realizzare un itinerario classificato secondo la scala CAI delle difficoltà per i percorsi montani accessibili con ausili, fruibile a persone con disabilità motorie e sensoriali, persone anziane con ridotta capacità motoria e genitori con bambini.

"Montagna che Aiuta è un gruppo di soci del Club Alpino Italiano sezione di Feltre nato a novembre 2021 per volontà di alcuni soci e del passato presidente di sezione Angelo Ennio De Simoi, che sta realizzando il sogno di una montagna inclusiva, solidale e accessibile. A oggi il gruppo conta ben quaranta volontari e ha in dotazione due joëlette, le particolari carrozzelle monoruota che permettono di accompagnare le persone con disabilità su strade forestali e su sentieri di montagna.
Montagna che Aiuta si è costituito secondo i principi del progetto del CAI Nazionale “Escursionismo Adattato e Montagnaterapia” e organizza la propria attività rivolgendosi a persone con disabilità motoria e sensoriale per la promozione dell’inclusività".

A presto per nuove notizie dall'Anello!



コメント


bottom of page